Il Gruppo Padano di Piadena

- HOME PAGE
- BIBLIOTECA POPOLARE DI PIADENA
- QUADERNI DI PIADENA
- COOPERAZIONE
- CANTI POPOLARI RACCOLTI
- CANTI CREATI
- EMIGRANTI
- ALBUM FOTOGRAFICO
- IL GRUPPO PADANO OGGI

 


E-MAIL

    

E se tu fossi una regina

Concerto per voci, strumenti e immagini presentato dal Gruppo Padano di Piadena
al Teatro “Mauro Pagano” di Canneto s/O (Mn)
per la Giornata Internazionale della Donna.
(8 marzo 2003)

E se tu fossi una regina

I canti e le danze di questo concerto sono tratti dalla memoria e dall’archivio delle nostre registrazioni; sono documenti orali di una cultura popolare in gran parte ormai dispersa o dimenticata.

La cultura popolare si esprimeva soprattutto con i canti, di cui non si conoscono gli autori perché autore era il popolo stesso che raccontava le sue storie, spesso in dialetto.
A volte, chi le cantava cambiava le parole per raccontare fatti della sua vita. Per questo di una stessa canzone ci sono testi diversi.
Ed è appunto attraverso lo studio di questi testi che è possibile capire i problemi della gente, il loro modo di vivere e pensare nella civiltà contadina della nostra terra padana.

Nei canti troviamo i più diversi argomenti: il lavoro, la miseria, le proposte sociali, l’amore, la guerra, le feste.

Questo spettacolo/concerto è stato realizzato montando insieme alcuni canti d’amore.
Il filone amoroso, nei canti popolari, è ricco di storie di ogni genere: dal lamento alla serenata, dalla tragedia alla satira. E siccome molte storie d’amore iniziavano nelle aie o nelle balere o nelle osterie con il ballo, abbiamo alternato i canti con le danze.

Il concerto si articola in “momenti”, come si vede dal programma.

 

PROLOGO
E se tu fossi una regina
(introduzione musicale)

Dove tè vèt o Mariettina
Sì bonora in mezzo al prà

Io me ne vado in campagnola
Campagnola a lavorar

El scussalin l’è già bagnato
Stamattina in mezzo al prà

E se tu fossi una regina
Ti verria a incoronar

E invece sei una contadina
Vai nei campi a lavorar

 

GLI INNAMORATI

Cara la mè mama

Cara la mè mama me mè pias Giuan
Cara la mè figlia spéta ancora un an
Ah no ancora un an
Èl mè cor èl va luntan
O maridèmè oi mamma.

Cara la mè mama me mè pias Giuan
Cara la mè figlia spéta ancora un mese
Ah no ancora un mese
Èl mè cor no’l va mia distese
Maridème oi mamma

Cara la mè mama me mè pias Giuan
Cara la mè figlia spéta ancora una stemana
Ah no ancora ‘na stemana
Èl mè cor èl va in fumana
Maridème oi mamma

Cara la mè mama me mè pias Giuan
Cara la mè figlia spéta ancora un giorno
Ah no ancora un giorno
Èl mè cor èl va d’intorno
E maridème oi mamma

Cara la mè mama me mè pias Giuan
Cara la mè figlia spéta ancora un’ora
Ah no ancora un’ora
Èl mè cor èl va in malora
Maridème oi mamma

Cara la mè mama me mè pias Giuan
Cara la mè figlia spéta amò un minut
Ah no amò un minut
Èl mè cor el gà i cunvuls
O maridème oi mamma.


To èn muradur

To èn muradur la mè mamma la mè mamma
To èn muradur la mia mamma la mi vuol dar
Muradur che fa i palassi
Èl gli ha fa alti e gli ha fa bassi
E mi no no e mi no no
Muradur èl voi no

To èn marengon la mè mamma la mè mamma
To èn marengon la mia mamma la mi vuol dar
Marengon che tira la piola
Ura èl la tira ura èl la mola
E mi no no e mi no no
Marengon èl vori no

To èn careter la mè mamma la mè mamma
To èn careter la mè mamma la mi vuol dar
Careter che va per la strada
Cic e ciciac cun la scuriada
E mi no no e mi no no
Careter èl vori no

To èn cuntadin la mè mamma la mè mamma
To èn cuntadin la mè mamma la mi vuol dar
Cuntadin che sappa la tera
Tuti li duni èl gli a culega
E mi si si e mi si si
Cuntadin èl vori sì

O Briccone
O briccone o bricconcello
Tu volerai tu volerai
Nel mio giardino
E lo voglio fare
Lo voglio fare col mio pennello
E lo vuoi dipinto
E lo vuoi dipinto nel mio giardin

Andaremo
Andaremo sull’alte montagne
La troverem là troverem
Un ponticello
E lo voglio far
E lo voglio far col mio pennello
E lo vuoi dipinto
E lo vuoi dipinto nel mio giardin


Le la sente èl ciocco

Le la sente èl ciocco
dè la scuriada
l’è inemurada
l’è inemurada
le la sente èl ciocco
dè la scuriada
L’è inemurada
In dèl careter

E il carrettiere
Lu l’è sempre d’intorno
E la notte e il giorno
E la notte e il giorno
E il carrettiere
Lu l’è sempre d’intorno
E la notte e il giorno
Lu l’è mai cun mé

S’affaccia alla finestra
La bella ricciolina
Con voce graziosina
Con voce graziosina
S’affaccia alla finestra
La bella ricciolina
Con voce graziosina
Saluta il carrettier

E picchia picchia

E picchia picchia la porticella
L’è la mia bella la mi viene aprir
E picchia picchia la porticella
L’è la mia bella la mi viene aprir

E con la mano apri la porta
E con la bocca la mi da un bacin (due volte)

Mi ha dato un bacio si tanto forte
Che la mia mamma la mi ha sentì (due volte)

Che cosa hai fatto figliola mia
Che tutto il mondo parla mal di tè (due volte)

E lascia pure che il mondo èl diga
Io voglio amare chi mi ama mè (due volte)

Io voglio amare quel giovanotto
Che ha fa sett’anni di prigion per me (due volte)

L’ha fat sett’anni e sette mesi
E sette giorni di prigion per mè (due volte)

MONFERRINA (danza)

LE SERENATE
Angiolina
(introduce musica)

Angiolina bell’Angiolina
Innamorato io son di te
Innamorato dall’altra sera
Quando venni a ballar con te

E la gaveva la veste rosa
Ed il corpetto di raso blu
E le scarpette con le rosette
Fatte apposta per ben ballar

Angiolina bell’Angiolina
Innamorato io son di te
Innamorato io son di tante
Ma l’amore lo fo con te. (finisce la musica e subito attacca….)

Dio del cielo

Dio del cielo
Se fossi una rondinella (due volte)
Vorrei volare vorrei volare
Vorrei volare in braccio alla mia bella (due volte)

Prendi il secchiello
E vattene alla fontana (due volte)
Là c’è il tuo amore, là c’è il tuo amore
Là c’è il tuo amore che alla fontana aspetta (due volte)

Pinota

O Pinota bella Pinota una grazia vorrei da te

Dimmi pure che grazia vuoi una notte a dormir con te

Vieni pure alle undiciore quando mamma e papà non c’è

Undiciore son già suonate o Pinota vien giù da me

Sono scalza e in camiciola dammi il tempo di rivestir

Non importa che tu ti vesta quando nuda tu piaci a me (due volte)


SONATA con mandolino
(finale della Pinota con fisa)

STORIE D’AMORE

Il cacciatore del bosco

Il cacciatore nel bosco
Trova una contadinella
E l’era tanto bella graziosa e bella
Che il cacciatore s’innemorò
E l’era tanto bella graziosa e bella
Che il cacciatore s’innemorò

La prese per una mano
E la condusse a sedere
dal gusto e dal piacere e dal godere
La novellina si addormentò
dal gusto e dal piacere e dal godere
La novellina si addormentò

Mentre la bella dormiva
Il cacciatore vegliava
Pregava gli uccelletti che non cantassero
Perché la i bella potesse dormir
Pregava gli uccelletti che non cantassero
Perché la i bella potesse dormir

Quando la i bella si sveglia
Il cacciatore non c’era
Alzando gli occhi al cielo m’hai rotto il velo
Cuore crudele tu m’hai tradì
Alzando gli occhi al cielo m’hai rotto il velo
Cuore crudele tu m’hai tradì


GIGA (danza)

Donna Lombarda
(con calma, introduzione fisa)

O donna donna
Donna lombarda
Se Vuoi tu venire al ballo con me

Si si che al ballo
Io vegnaria
Ma ho paura del mio marì

Quel Il tuo marito
L’è vecchio e brutto
Farem di tutto per farlo morir

Prendi il bicchiere
scendi giù in cantina
Riempilo di vino
poi mettici il velen

MUSICA DEI MENDICANTI

Passa luni

Passa luni e passa marti trullalla
Passa mercoldì mattina trullalla
La sé dà ‘na lustradina trullalla
Ricciolotti la si fa
Trullalla lalalala
Ricciolotti la si fa

Ricciolotti e cannellotti trullalla
E le trecce all’italiana trullalla
La va via che la par ‘na dama trullalla
E la dorme sul paion
Trullalla lalalala
E la dorme sul paion

Sul paion e sulla paia trullalla
Come un povero cagnolo trullalla
Con un straccio d’un lenzuolo trullalla
Tutto rotto e rappezzà
Trullalla lalalala
Tutto rotto e rappezzà

La va seu col sior siprete trullalla
La vèn so cul sior curato trullalla
La gh’è conta quel che l’ha fato trullalla
La si vuole maritar
Trullalla lalalala
La si vuole maritar

La si vuole maritare trullalla
ma la ga nemmeno il letto trullalla
Èl paiòn l’è troppo stretto trullalla
Ed in due non sé ghè sta
Trullalla lalalala
Ed in due non sé ghè sta

Ed in due se ghè starìa trullalla
Un dè sotto e un dè soravia trullalla
Basta far nemmeno i versi trullalla
Che sé sbraga i cavalletti trullalla
E sé va cul cul levà
Trullalla lalalala
E sé va cul cul levà

 

MUSICA : scottish

Pellegrin che vien da Roma

Pellegrin che vien da Roma el va èl birocc
Cun li scarpe ruti ai pee
El biroc èl va biroc èl va
Pellegrin che vien da Roma
Cun li scarpi ruti ai pee

Non appena fu arrivato el va èl birocc
All’osteria se ne andò
El biroc èl va biroc èl va
Non appena fu arrivato
All’osteria se ne andò

Buona sera signor oste el va èl birocc
C’è una camera per me?
El biroc èl va biroc èl va
Buona sera signor oste
C’è una camera per me?

Camera ce n’è una sola el va èl birocc
Dove dormu mè muier
El biroc èl va biroc èl va
Camera ce n’è una sola
Dove dormu mè muier

Se tu fossi un galantuomo el va èl birocc
Dormiremmo tutti e tre
El biroc èl va biroc èl va
Se tu fossi un galantuomo
Dormiremmo tutti e tre

Galantom l’era mio padre el va èl birocc
Galantuomo pure me
El biroc èl va biroc èl va
Galantom l’era mio padre
Galantuomo pure me

Per maggiore sicurezza el va èl birocc
Metteremo un campanel
El biroc èl va biroc èl va
Per maggiore sicurezza
Metteremo un campanel

Mezzanotte era suonata el va èl birocc
Campanel sentì a suonar
El biroc èl va biroc èl va
Mezzanotte era suonata
Campanel sentì a suonar

Spurcaccion d’èn pellegrin el va èl birocc
Sa ghèt fat a mè muier
El biroc èl va biroc èl va
Spurcaccion d’èn pellegrin
Sa ghèt fat a mè muier

Lo basada e ribasada el va èl birocc
Cuma i usa al mè paes
El biroc èl va biroc èl va
Lo basada e ribasada
Cuma i usa al mè paes

Se campassi anche cent’anni el va èl birocc
Dè pellegrin èn tegni peu
El biroc èl va biroc èl va
Se campassi anche cent’anni
Dè pellegrin èn tegni peu


MUSICA: saltarello

Sveglia molinaio

E sveglia molinaio che lè giorno orno (2 volte)
Son qui da stamattina con gli occhi bianchi e neri
Son qui da stamattina a macinare (2 volte)

E mentre che il mulino macinava ava (2 volte)
Le mani dentro il seno con gli occhi bianchi e neri
Le mani dentro il seno gli metteva (2 volte)

Sta fermo molinaio con le mani ani (2 volte)
Io tengo sei fratelli con gli occhi bianchi e neri
Io tengo sei fratelli t’ammazzeranno (2 volte)

Non ho paura né di sei nemmen di sette otto (2 volte)
Io tengo una pistola con gli occhi bianchi e neri
Io tengo una pistola caricata (2 volte)

Caricata con due palline d’oro oro (2 volte)
la sparo contro a te con gli occhi bianchi e neri
la sparo contro a te Rosina bella (2 volte)

MUSICA: tarantella

Domani l’è festa

Domani l’è festa non si lavora (2 volte)
Go la morosa d’andare a truvà (3 volte)

La vado a trovare perché l’è bella (2 volte)
La par ‘na stella che brilla in ciel (3 volte)

La vado a trovare di sabato sera (2 volte)
Le la mi rende consolasion (3 volte)

Domani l’è festa non si lavora (2 volte)
Go la morosa d’andare a truvà (3 volte)